Quanto costa arredare una casa? Una stima della spesa necessaria

0
17
quanto costa arredare casa

Nel momento in cui si compra una casa, sia essa o meno la prima, bisogna tenere in considerazione, oltre alle spese effettive per l’immobile, anche quelle per l’arredamento. Quanto si spende? Ecco una domanda che tantissime persone si pongono, desiderose di curare al meglio gli interni della propria abitazione.

Quando si fa una stima dei costi necessari per arredare una casa a nuovo è fondamentale tenere in considerazione non solo i mobili ma anche gli elementi decorativi che contribuiscono a conferire personalità e stile agli ambienti.

Infatti lo stile delle pareti (che si può plasmare sia con le varie tecniche di verniciatura sia con dei rivestimenti, ad esempio una carta da parati dal design raffinato) e gli accessori come i quadri, gli specchi o altri complementi d’arredo rappresentano un aspetto significativo nella creazione di un’atmosfera accogliente e armoniosa, naturalmente con costi variabili a seconda della soluzione.

Chiarita questa premessa, è bene ricordare che, oltre ai materiali in sé, che se sono di pregio costano di più, è necessario considerare la presenza di costi aggiuntivi, a partire dal trasporto, per arrivare alla consegna, senza dimenticare il montaggio che, in alcuni casi, deve essere gestito da personale specializzato.

Budget medio sulla base della metratura

Per un arredamento completo, si possono fare delle stime medie a seconda della metratura. Considerando un appartamento di 80 metri quadri si può parlare, in media, di un range che va dagli 8000 ai 16000 euro.

Il prezzo può lievitare per via della necessità di soluzioni su misura, in particolare la cucina, che richiedono uno studio specifico e, di riflesso, un aumento dei costi a carico del cliente.

Aumentando la metratura e arrivando a 100 metri quadri, si può parlare di un range compreso tra 10.000 e 20.000 euro, sempre a seconda del livello di esclusività dei materiali.

Per un’unità di 150 metri quadri, si possono spendere, grazie alla maggior libertà nella personalizzazione, anche 30000 euro e oltre per un arredo completo.

Quanto costa un architetto?

Per facilitare il processo di arredamento della casa, si può assoldare un architetto esperto in design d’interni. Il suo compenso va ovviamente aggiunto alle somme pagate per i mobili, i complementi e per tutto quello che riguarda il trasporto e la consegna.

In media, l’onorario va dai 20 ai 50 euro orari a seconda della complessità del progetto o del prestigio del professionista.

La soluzione dell’arredamento contract

Una soluzione che sta guadagnando sempre più popolarità è quella dell’arredamento contract. In cosa consiste? Nel dare a un’azienda l’incarico di occuparsi dell’arredamento chiavi in mano. Si parte da zero e, da parte dell’azienda che si occupa di arredamento contract, viene gestito ogni dettaglio, dalla scelta dei mobili, a quella dei complementi, fino alle finiture e al progetto illuminotecnico.

In questo caso, è possibile arrivare a costi nell’ordine delle decine di migliaia di euro.

Può sembrare una somma molto alta, ma prima di dire così è il caso di fermarsi un attimo a riflettere: con l’arredamento contract, si affida tutto a un soggetto terzo competente, e si risparmia il tempo, e il denaro speso in benzina, che verrebbe impiegato per girare per negozi.

In questi casi, si interagisce con una singola figura, ossia il project manager, che si occupa di gestire i rapporti tra le maestranze e i clienti, ordinando, quando necessario, aggiustamenti al processo.

Si ha la certezza di avere a che fare con professionisti che sanno il fatto proprio e non si rischia di incorrere in errori per quanto riguarda la scelta di materiali, finiture e altri dettagli tecnici.

Conclusioni

Non esiste una risposta univoca alla domanda “Quanto si spende per arredare una casa?”. Esistono diverse situazioni da considerare ed è il caso di valutare bene la propria, orientandosi, quando necessario, verso offerte e promozioni.